In Venice Today.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano


In Venice Today.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano



Booking.com

Padiglione Greco, Grecia alla 60° Biennale di Venezia

Il Padiglione Greco, Grecia alla 60° Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti del padiglione, le opere, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e la sede espositiva.

Padiglione Greco, Grecia Biennale d'Arte 2024 a Venezia
Padiglione Greco, Grecia della 60° Biennale d'Arte - Padiglione Grecia, Giardini della Biennale, Castello - Venezia

Mostra in corso dal 20 aprile al 24 novembre 2024

La 60° Biennale Arte aprirà al pubblico il 20 aprile. Ma il 17, 18 e 19 ci saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano improvvisamente la vita artistica veneziana. La cerimonia di premiazione avverrà il giorno dell'apertura al pubblico.

Il titolo dell'edizione 60 della Biennale d'Arte è Stranieri Ovunque - Foreigners Everywhere.

La Mostra si articolerà tra il Padiglione Centrale ai Giardini e l'Arsenale, includendo 213 artiste e artisti provenienti da 88 nazioni. Sono 26 le artiste e gli artisti italiani, 180 le prime partecipazioni nella Mostra Internazionale, 1433 le opere e gli oggetti esposti, 80 nuove produzioni.

Vai alla pagina della 60° Biennale d'Arte di Venezia

Vai alla pagina degli Artisti della 60° Biennale d'Arte di Venezia

Padiglione Greco, Grecia alla 60° Biennale D'Arte di Venezia

Titolo della mostra al Padiglione Greco è Xirómero/Dryland.

Artisti: Thanasis Deligiannis, Yannis Michalopoulos, Elia Kalogianni, Yorgos Kyvernitis, Kostas Chaikalis, FotisSagonas.
Curatore: Panos Giannikopoulos.
Commissario: Museum of Contemporary Art Athens.
Sede: Padiglione Grecia, Giardini - Venezia

Comunicato Stampa del Padiglione Greco, Grecia alla 60° Biennale di Venezia

Xirómero/Dryland, che rappresenterà la Grecia alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia, è un'opera collettiva interdisciplinare ideata da Thanasis Deligiannis e Yannis Michalopoulos, e realizzata insieme agli artisti Elia Kalogianni, Yorgos Kyvernitis, Kostas Chaikalis e FotisSagonas . La partecipazione degli artisti greci è stata curata da PanosGiannikopoulos. L’opera consiste in un’attrezzatura per l’irrigazione agricola che sincronizza il suono, il video e l’illuminazione dell’installazione in tempo reale. Gli artisti indagano l'esperienza di una festa di paese seguendone il percorso dalla piazza del paese fino alla periferia e ai territori circostanti. Nello specifico, traggono ispirazione dall'esperienza delle panigyria - feste locali - della Grecia continentale, della Tessaglia e della zona di Xirómero, nella Grecia occidentale, da cui l'opera prende il titolo.

Gli artisti dietro l’opera si riferiscono all’acqua come a un prisma – un modo di vedere e pensare – concentrandosi sulla sua scarsità o abbondanza, su come è necessaria o sprecata, nonché sulle sue connotazioni sociali. L’esaurimento delle risorse è qui legato all’esaurimento fisico e finanziario. Il lavoro esplora il potenziale politico del suono e della musica e l’impatto della tecnologia sui paesaggi rurali e sulla diversità culturale.

Thepanigyri trasmette informazioni e significato attraverso rituali e intrattenimento. È connesso al lavoro agricolo; nasce – ma genera anche – il ciclo temporale interno della comunità, che segue il ritmo dell’irrigazione e di altre attività agricole e aiuta ciascuna comunità a formare un’immagine di se stessa. Ma allo stesso tempo, permette a nozioni contraddittorie di fondersi: gli spettatori diventano partecipanti, il palco diventa fuori dal palco e la performance lascia il posto al quotidiano.

Questa incessante interazione tra “rappresentazione” e realtà è riprodotta all’interno dell’opera stessa. Xirómero/Dryland utilizza anche le particolari caratteristiche architettoniche del Padiglione della Grecia per evocare in modo associativo immagini di magazzini agricoli e architettura religiosa che così spesso fanno da sfondo al thepanigyri. L'impianto di irrigazione al centro del Padiglione definisce un perimetro circolare che costituisce lo spazio vero e proprio dell'installazione. L'opera serve a portare all'interno lo spazio esterno – luogo di aggregazione della comunità, la piazza del paese, luogo di aggregazione pubblica. Quando il sistema di irrigazione si accende, avvia uno schema ritmico specifico, misurando il tempo come un orologio o una cassetta in riproduzione, suggerendo percorsi specifici da seguire per gli spettatori e incoraggiando cambiamenti di punto di vista lungo il percorso. Xirómero/Dryland si allontana da un approccio estetico, enfatizzando invece l'immediatezza emotiva dell'incontro con oggetti, suoni e immagini.

Osservando le relazioni di genere nel contesto dei panigyri, possiamo esaminare le diverse possibilità di presentazione di sé, le diverse versioni della femminilità e il modo in cui il corpo femminile viene rivelato o nascosto, ma anche il gesto ambivalente del soggetto che sceglie di ritrarsi , optando per l'assenza e l'esclusione dai festeggiamenti.

Xirómero/Dryland tenta di creare associazioni tra un'esperienza geograficamente contestualizzata e la condizione globale; facilitare i cambiamenti di prospettiva tra soggetti culturali dominanti ed emarginati come mezzo per aprire uno spazio liminale per l’emergere di nuovi significati.

*Xirómero [ksirˈomero], una zona storica dell'Etolia-Acarnania, è nota per i suoi festival. Oggi è uno dei comuni dell'unità regionale della Grecia occidentale.

La ricerca finalizzata all'installazione Xirómero/Dryland che rappresenterà la Grecia alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia è stata commissionata dalla Fondazione Onassis e condotta nel contesto della Residenza Margaroni dall'artista interdisciplinare e compositore Thanasis Onassis AiR Fellows Deligiannis e il drammaturgo e filologo Yannis Michalopoulos. Entrambi hanno riunito un team che comprende l'artista visivo e regista Elia Kalogianni, il fotografo e documentarista Yorgos Kyvernitis, l'ingegnere del suono e designer Kostas Chaikalis e l'artista visivo e architetto Fotis Sagonas.

Il progetto e la sua presentazione a Venezia sono stati finanziati dal Ministero della Cultura ellenico. EMΣT/Museo Nazionale di Arte Contemporanea Atene è il commissario per la partecipazione nazionale della Grecia e responsabile della pianificazione, produzione e promozione. PanosGiannikopoulos è il curatore del Padiglione della Grecia.

La partecipazione della Grecia alla 60. Esposizione Internazionale d’Arte ‐ La Biennale di Venezia è promossa da Onassis Culture. Il progetto è sostenuto anche dal Festival internazionale del cinema di Salonicco, dal Festival Atene-Epidauro e dall'Organizzazione nazionale greca del turismo. Il sostegno di ARTWORKS è stato fornito attraverso un finanziamento della Fondazione Stavros Niarchos (SNF). Ulteriore supporto è stato reso possibile da NEON Culture and Development Organization, da Outset e dalla Qualco Foundation. AEGEAN è lo sponsor ufficiale della compagnia aerea e il progetto è stato posto sotto gli auspici della città di Xirómero.

Informazioni utili per la visita

Orari: dal 20 aprile al 30 settembre dalle 11 alle 19. Dal 1 ottobre al 24 novembre dalle 10 alle 18. Solo Arsenale fino al 30 settembre: venerdì e sabato apertura prolungata fino alle ore 20 (ultimo ingresso: 19.45). Chiuso il lunedì (tranne i lunedì 22 aprile, 17 giugno, 22 luglio, 2 settembre, 30 settembre, 31 ottobre, 18 novembre).
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale.Biglietto intero in rete € 30.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.2728329
E-mail: [email protected]
Sito web: Biennale di Venezia



Contatti - Progetto In Italy Today - Politica sulla riservatezza - Cookie Policy

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati