In Venice Today.com


In Venice Today.com





Booking.com

Mostra MARISA MERZ, camminare, camminare, ricamminare il pensiero immagine che cammina alla Querini Stampalia di Venezia

Mostra MARISA MERZ, camminare, camminare, ricamminare il pensiero immagine che cammina in corso alla Querini Stampalia di Venezia: gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e le opere, la sede espositiva.
MARISA MERZ, camminare, camminare, ricamminare il pensiero immagine che cammina- Fondazione Querini Stampalia, Campo Santa Maria Formosa, Castello 5252 - Venezia

Mostra permanente in corso dal 16 maggio al 16 settembre 2012

Dal 16 maggio al 16 settembre 2012 la Fondazione Merz presenta per la prima volta nei propri spazi espositivi una mostra antologica di Marisa Merz, seconda tappa di un progetto in collaborazione con la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, dove nell’estate 2011 si è
tenuta l’esposizione Marisa Merz - non corrisponde eppur fiorisce.

La mostra presenta una molteplicità di opere, sia storiche, a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, sia recenti e spesso inedite, installate sotto la guida acuta e meticolosa dell’artista, con l’intento di esprimere il carattere intimo e visionario della sua poetica. Ci vuole pochissimo per arrivare a uno stato di concentrazione molto prolungato nel tempo. In questo lungo intervallo si scoprono varie cose sul proprio sistema nervoso, e si finisce per trascendere il tempo! E finalmente ci si sente felici. Sono riuscita a sperimentare questo stato per brevi momenti. Era come arrivare alla struttura portante della vita. Marisa Merz.

Non si tratta di costruire una storia, né di lavorare per tematiche o di definire una cronologia, ma di riproporre la modalità di lavoro dell’artista, il suo modo di creare connessioni e relazioni di senso sempre nuove e imprevedibili tra le proprie opere, costruendo così un universo creativo nel quale il visitatore verrà accolto e coinvolto.
In questa delicata e allo stesso tempo energica narrazione, si incontrano forme, misure e elementi inconsueti; disegni che si inseguono in serie, dialogano con fili di rame intrecciati formando sulle pareti muti spartiti musicali; l’essenzialità delle sculture in terra cruda o in bronzo si accosta alla complessità dei grandi volti eseguiti attraverso la sovrapposizione di segni e materie. L’esposizione rivela un animo alla continua ricerca del dare forma al pensiero, mosso dall’emergere incessante di nuovi interrogativi.

Dal 16 maggio al 16 settembre 2012 la Fondazione Merz presenta per la prima volta nei propri
spazi espositivi una mostra antologica di Marisa Merz, seconda tappa di un progetto in
collaborazione con la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, dove nell’estate 2011 si è
tenuta l’esposizione Marisa Merz - non corrisponde eppur fiorisce.
La mostra presenta una molteplicità di opere, sia storiche, a partire dalla seconda metà degli
anni Sessanta, sia recenti e spesso inedite, installate sotto la guida acuta e meticolosa dell’artista,
con l’intento di esprimere il carattere intimo e visionario della sua poetica.
Ci vuole pochissimo per arrivare a uno stato di concentrazione molto prolungato nel tempo. In questo lungo
intervallo si scoprono varie cose sul proprio sistema nervoso, e si finisce per trascendere il tempo! E finalmente ci
si sente felici. Sono riuscita a sperimentare questo stato per brevi momenti. Era come arrivare alla struttura
portante della vita. Marisa Merz
Non si tratta di costruire una storia, né di lavorare per tematiche o di definire una cronologia, ma di riproporre la modalità di lavoro dell’artista, il suo modo di creare connessioni e relazioni di senso sempre nuove e imprevedibili tra le proprie opere, costruendo così un universo creativo nel quale il visitatore verrà accolto e coinvolto.
In questa delicata e allo stesso tempo energica narrazione, si incontrano forme, misure e elementi inconsueti; disegni che si inseguono in serie, dialogano con fili di rame intrecciati formando sulle pareti muti spartiti musicali; l’essenzialità delle sculture in terra cruda o in
bronzo si accosta alla complessità dei grandi volti eseguiti attraverso la sovrapposizione di segni e materie. L’esposizione rivela un animo alla continua ricerca del dare forma al pensiero, mosso dall’emergere incessante di nuovi interrogativi.
Lunedì 14 maggio alle 18 presso Il Circolo dei Lettori di Torino si svolge in anteprima un incontro di presentazione della mostra. Intervengono Chiara Bertola (curatrice della mostra alla Fondazione Querini Stampalia e Direttore Artistico HangarBicocca), Ester Coen (storica e
critica d’arte) Costantino D’Orazio (storico e critico d’arte) e Richard Flood (Director of Special Projects and Curator at Large del New Museum di New York e membro del Comitato Scientifico della Fondazione Merz); modera Mariano Boggia (Presidente della Fondazione Merz).

Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 18; lunedì chiuso.
Biglietti: intero 14 €, ridotto 10 €. Gratuito per minori di 18 anni. Gratuito per Residenti Comune di Venezia ogni domenica.
Telefono: +39.041.2711411
E-mail: fondazione@querinistampalia.org
Sito web: Querini Stampalia


In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati