In Venice Today.com
PortuguŕsDeutschFranšaisEspa˝olEnglishItaliano


In Venice Today.com
PortuguŕsDeutschFranšaisEspa˝olEnglishItaliano



Booking.com

Mostra Francesco Vezzoli. Musei delle lacrime al Museo Correr di Venezia

La Mostra Francesco Vezzoli. Musei delle lacrime al Museo Correr di Venezia: gli orari, i periodi, il costo e l'acquisto dei biglietti e le opere, la sede espositiva.

Mostra Francesco Vezzoli. Musei delle lacrime  Venezia
Francesco Vezzoli. Musei delle lacrime - Museo Correr, Piazza San Marco - Venezia

(Foto: Francesco Vezzoli. La nascita di American Gigol´┐Ż (After Sandro Botticelli), 2014 Stampa inkjet su tela, ricamo metallico Inkjet print on canvas, metallic embroidery 136 x 208 cm Courtesy the artist and APALAZZOGALLERY)

Mostra in corso dal 17 aprile al 24 novembre 2024

Al Museo Correr la Fondazione Civici Musei di Venezia e Venice International Foundation presentano Musei delle Lacrime, un progetto ideato da Francesco Vezzoli (Brescia, 1971) in maniera site-specific per la Quadreria del Museo Correr di Venezia dal 17 aprile al 24 novembre 2024.

Comunicato stampa della Mostra Francesco Vezzoli. Musei delle lacrime

L´┐Żesposizione, a cura di Donatien Grau, nasce dall´┐Żinvito che Venice International Foundation rivolge a Francesco Vezzoli e segna il ritorno dell´┐Żartista agli aspetti fondamentali della propria ricerca, che si radica in uno scambio con la storia dell´┐Żarte e sulle influenze culturali che ne scaturiscono. Nel cuore di Venezia, Francesco Vezzoli tesse una conversazione a doppio binario con il patrimonio culturale della citt´┐Ż e offre la propria visuale sulle collezioni e invenzioni Moderne del Museo Correr, costruendo un percorso espositivo totalmente nuovo che scaturisce dal lavoro dell´┐Żartista. Con 36 opere di Francesco Vezzoli realizzate lungo oltre vent´┐Żanni della sua attivit´┐Ż, la mostra include 16 lavori realizzati ad hoc per questa occasione.

Musei delle Lacrime inaugura il nuovo corso progettuale di Venice International Foundation, che vede la propria missione storica sposare le molteplici voci dell´┐Żarte contemporanea. La visione promossa dal suo presidente Luca Bombassei, architetto e collezionista, combina l´┐Żobiettivo di salvaguardare e tutelare il patrimonio artistico veneziano con la forza dirompente delle pratiche artistiche contemporanee, chiamate a creare un nuovo vocabolario per immaginare forme di valorizzazione dei luoghi pi´┐Ż affascinanti e significativi che costellano la citt´┐Ż di Venezia.

LA MOSTRA

La mostra Musei delle Lacrime, realizzata per la Quadreria del Museo Correr, presenta una doppia conversazione, che vede Francesco Vezzoli dialogare da un lato con la preziosa collezione d´┐Żarte veneziana, che annovera capolavori dal XIII al XVII secolo, dall´┐Żaltro con l´┐Żinfluenza di Carlo Scarpa, icona dell´┐Żarchitettura moderna e autore degli allestimenti che caratterizzano le sale museali al centro del progetto espositivo. Si tratta quindi di una visione radicale della storia dell'arte e del patrimonio.

Quasi trent'anni fa, l'artista inizi´┐Ż a ricamare lacrime su immagini di capolavori, creando cos´┐Ż un proprio museo e sfidando l´┐Żidea stessa del museo come affermazione di potere. Il titolo della mostra rievoca il filo rosso della lacrima, che accompagna il visitatore in un itinerario per immagini che unisce in una riflessione comune opere d´┐Żarte di epoche differenti. Attraverso la tecnica intima e fortemente simbolica del ricamo, Francesco Vezzoli attinge alla vasta gamma di riferimenti personali, influenze culturali contemporanee ed elementi tradizionali che compongono il proprio repertorio per sfidare le convenzioni dell´┐Żarte, sociali e politiche, puntando i riflettori su tematiche di stringente attualit´┐Ż, come l´┐Żidentit´┐Ż di genere, i concetti estetici e la rappresentazione popolare.

La mostra si articola lungo quattordici sale tra inserimenti, discreti e incastonati nell´┐Żallestimento, e la costruzione di un vero e proprio museo nel museo, dove le opere incontrano l´┐Żestetica di Carlo Scarpa messa in luce dall´┐Żintervento di Francesco Vezzoli.

L´┐Żincontro tra storia dell´┐Żarte e contemporaneit´┐Ż si manifesta sin dall´┐Żinizio del percorso, che apre con l´┐Żopera Casino (Giotto, Wynn And Warhol Were Gamblers) (2024) dove l´┐Żartista ricama le lacrime tratte da ritratto di Steve Wynn a Andy Warhol sui soggetti di un dettaglio della Cappella degli Scrovegni di Giotto a Padova, mettendo cos´┐Ż in discussione il rapporto tra l'artista e il mecenate e portando a Venezia il segno di un monumento vicino.
Il dialogo prosegue in lavori come Retorica Della Retorica (2013), in cui l´┐Żartista riproduce un dipinto di Artemisia Gentileschi e vi aggiunge un omaggio a Josef Albers e Natalia Goncharova, in tal modo facendo scontrare ideali classici e moderni, o in Portrait Of Carlo Scarpa As Doge Leonardo Loredan (After Giovanni Bellini, Andy Warhol And Giotto) (2024), che vede il volto di Carlo Scarpa figurare nel ritratto del Doge Loredan di Giovanni Bellini, tessendo una rete di significanti.

La tradizione artistica che avvolge il concetto di sacralit´┐Ż ´┐Ż al centro di una riflessione che coinvolge opere come Crying Portrait Of A Renaissance Madonna With Holy Child (2010), dove le fattezze delle Madonne rinascimentali di Cima da Conegliano e Giovanni Bellini, presenti nelle sale del Museo, sono sostituite da volti contemporanei e arricchite di lacrime ispirate ad artisti come Picasso e Roy Lichtenstein in un´┐Żinterpretazione attualizzata del concetto di venerazione.

Si fa riferimento alla cultura moderna che ha reinventato Venezia come meta culturale in opere come Le Gant D´┐Żamour (2010), che si riferisce alla performance di Francesco Vezzoli a Los Angeles che aveva coinvolto la pop star Lady Gaga e il corpo di ballo del Boshoi in un tributo al fondatore dei Balletti russi Sergej Diaghilev, e Gala As Sylvia In La Dolce Vita (2006), che costruisce un omaggio al cinema italiano di Luchino Visconti, Michelangelo Antonioni e Federico Fellini. La mostra include opere iconiche dell´┐Żartista, come La Nascita Di American Gigol´┐Ż (2014) e Homage To Robert Mapplethorpe (2006) rivelano la riflessione di Vezzoli sul tempo, sul passato, presente e contemporaneo, attraverso ritratti e riferimenti alla cultura pop e cinematografica.

Francesco Vezzoli ricama i suoi quadri da s´┐Ż, in un'esperienza privata e intima che capovolge le categorie di maschile e femminile, sovvertimento qui in dialogo con una storia dell'arte definita dalle regole della mascolinit´┐Ż dall´┐Żideazione all'esposizione. L´┐Żintervento dell´┐Żartista apre a una diversa esperienza del patrimonio e del nostro tempo. Con Musei delle Lacrime Francesco Vezzoli esplora il connubio tra opere d'arte moderne e contemporanee, amalgamando elementi storici con riferimenti contemporanei e popolari e creando una nuova narrazione che riflette sull'essenza di Venezia come citt´┐Ż permeata del dialogo tra passato e presente.

Completa la mostra un pezzo concettuale, l´┐Żoriginale audio guida scritta e narrata dall´┐Żartista, che accompagna il visitatore nel percorso espositivo aprendo scorci di interpretazione sulle opere d´┐Żarte e arricchendoli di racconti, spunti di riflessione e suggestioni personali. Gli elementi allestitivi della mostra sono stati ideati da Filippo Bisagleni.

Informazioni utili per la visita

Orari: dal 1° aprile al 31 ottobre dalle 8.30 alle 19.00. Dal 1° novembre al 31 marzo dalle 8.30 alle 17.30. La biglietteria chiude un'ora prima.
Telefono: +39.041.2405211
Informazioni e prenotazioni: dall’Italia 848082000; dall'estero +39 041.42730892.
E-mail: [email protected]
Sito web: Museo Correr



Contatti - Progetto In Italy Today - Politica sulla riservatezza - Cookie Policy

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati