In Venice Today.com


In Venice Today.com





Mostra 4444 Acqua e Fuoco al Museo Ca' Rezzonico di Venezia

Mostra 4444 Acqua e Fuoco in corso a Venezia: gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e le opere, la sede espositiva.
Mostra 4444 Acqua e Fuoco Venezia
4444 Acqua e Fuoco - Museo Ca' Rezzonico, Fondamenta Rezzonico, Dorsoduro 3136 - Venezia

Mostra in corso dal 26 gennaio al 1 aprile 2019

Una mostra a Ca' Rezzonico d'arte contemporanea ideata dagli scultori Toni Venzo e Marco Martalar; 4444 sono i gradini della scala più lunga d'Italia, La Calà del Sasso, che unisce Valstagna all'Altopiano dei Sette Comuni. La mostra è itinerante e arriva a Venezia dopo aver toccato Asiago e Bassano, ripercorrendo cos' l'itinerario del legno che anticamente da Asiago arrivava a Venezia, proprio sfruttando la discesa della Calà del Sasso.

Comunicato stampa

Gli Artisti MARCO MARTALAR e TONI VENZO sono due artisti molto legati alla loro terra , alle tradizioni e alle sue radici storiche . Questo loro senso di appartenenza diventa sfondo emotivo e concettuale che si esprime attraverso le loro opere. Martalar e Venzo scolpiscono i legni degli alberi, ne ascoltano l’eco nascosto tra le fibre, creano nuove forme e nuova vita con messaggi destinati a viaggiare oltre : animati da un richiamo degli antichi abitanti delle loro terre.

Il collegamento geografico che la Calà del Sasso con i suoi 4444 scalini ha fatto nel passato può essere inteso anche come una connessione simbolica tra i due territori di provenienza dei due scultori :l’ Altopiano di Asiago e la Valbrenta.
Marco Martalar, appartenente all’antica etnia del popolo cimbro, ancora oggi presente nelle zone dell’altopiano, scolpisce con la forza , l’energia e l’atmosfera misteriosa di miti e delle leggende che appartengono ai boschi .Spesso dona al fuoco le sue opere, quasi come se attraverso un rito pagano , le stesse possano acquistare una nuova vitalità.

Toni Venzo , vive dove scorre il fiume Brenta : un fiume che attraversa una profonda valle tra cime e boschi e raggiunge poi l’apertura del mare nel litorale veneziano. Lo scorrere dell’acqua , armonioso e lento è presente nelle linee fluide delle sue creazioni che con eleganti vibrazioni rimandano una sensazione di pace e allo stesso tempo di dinamicità come lo scrosciare dell’acqua tra i sassi del fiume.

Il FUOCO dello spirito cimbro e L’ACQUA del fiume trovano forma grazie ai legni dei boschi della terre di Asiago e della Val Brenta . Legni che Marco Martalar e Toni Venzo con abilità, tecnica , ma soprattutto grande passione sanno scolpire , modellare, levigare , accarezzare con la loro arte.
L’Arte , per i due scultori , non è solo intervento sulla materia , ma anche percorso di esplorazione dentro e fuori di sé, sul senso dell’esistenza e del significato delle cose. Le loro opere parlano di esseri umani e di sensazioni, di avvenimenti e di atteggiamenti dell’uomo di fronte all’esistenza.
Il Progetto ha avuto il riconoscimento del Patrocinio della Regione del Veneto , dei Comuni di Asiago e Bassano del Grappa, della Unione Reggenza dell’Altopiano dei Sette Comuni e dell’Unione Montana Valbrenta.

Esiste infatti una connessione tra la creazione dell’opera da parte degli artisti e il legame con la terra di origine, tra la materia prima , il legno, e la sua tradizionale peculiarità di evoluzione e metamorfosi verso nuove forme e nuovi sviluppi e non per ultima la relazione tra lo storico viaggio dei tronchi d’albero che grazie all’ingegno e all’opera umana scendevano dalle montagne fino al mare e il viaggio simbolico dell’albero che si trasforma tramite l’opera e il genio creativo dell’artista in opera d’arte.

Si creano così incontri, relazioni, contaminazioni, sinergie tra aspetti diversi: l’osservatore è coinvolto non solo attraverso il codice visivo , ma anche attraverso una riflessione di pensiero sulla storia di una terra , sul legame tra essa e i suoi abitanti e sulla creazione di opere d’arte che sono voce di sensazioni , e vissuti di questa storia antica , ma anche contemporanea.

L’esposizione “ 4444 Acqua e Fuoco” cerca di appassionare il visitatore nella fruizione di un’ esperienza coinvolgente non sono attraverso i codici visivi ed estetici, ma anche emotivi e di pensiero.

Orari: dal 1° aprile al 31 ottobre dalle 10.00 alle 18.00. Dal 1 novembre al 31 marzo dalle 10.00 alle 17.00. Natale e 1° gennaio dalle 11.00 alle 17.00. 26 dicembre dalle 10.0 alle 17.00. La biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il martedì.
Biglietti: intero € 10, ridotto € 7,50 (ragazzi da 6 a 14 anni; studenti dai 15 ai 25 anni; cittadini maggiori di 65 anni). Gratuito per residenti e nati nel Comune di Venezia; bambini
da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore.
Telefono: +39 041.2410100
Sito web: Museo Ca' Rezzonico

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati