In Venice Today.com


In Venice Today.com





Padiglione Venezia alla 58° Biennale di Venezia

Il Padiglione Venezia alla 58° Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti del padiglione, le opere, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e la sede espositiva.

Padiglione Venezia Biennale d'Arte 2019 a Venezia
Padiglione Venezia della 58° Biennale d'Arte - Giardini della Biennale, Castello - Venezia

(Foto: In Venice Today)

Mostra in corso dal 11 maggio al 24 novembre 2019

La 58° Biennale d'Arte aprirà al pubblico l'11 maggio 2019. Ma a partire da pochi giorni prima dell'apertura vi saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano improvvisamente la vita artistica veneziana. Il titolo dell'edizione 58 della Biennale d'Arte è May You Live In Interesting Times ossia "Possa tu vivere tempi interessanti".

Gli artisti invitati a esporre alla 58° Biennale d'Arte di venezia sono 79, con una prevalenza femminile. Tra loro i 2 italiani Ludovica Carbotta e Lara Favaretto. La prima realizzerà un'opera site specific a Forte Marghera, all'interno dell'edificio noto come Polveriera austriaca.

Vai alla pagina della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Vai alla pagina degli Artisti della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Padiglione Venezia alla 58° Biennale D'Arte di Venezia

Artisti: Sidival Fila, Fabio Viale, Ferzan Özpetek, Plastique Fantastique, Lorenzo Dante Ferro, Mirko Borsche, Giorgos Koumendakis.
Curatori: Giovanna Zabotti.
Concept e Direzione artistica: Stelios Kois, Alessandro Gallo.
Commissario: Maurizio Carlin.
Sede: Giardini Padiglione Venezia

Comunicato Stampa del Padiglione Venezia alla 58° Biennale di Venezia

Un omaggio alla città, per consentire al visitatore di esplorarne la storia e la mitologia attraverso un ambiente artistico coinvolgente. Ecco l'essenza del Padiglione Venezia, inaugurato questa mattina ai Giardini della Biennale alla presenza del sindaco, del presidente della Biennale, Paolo Baratta, della curatrice Giovanna Zabotti e delle massime autorità cittadine. Alla cerimonia, a cui ha preso parte anche una nutrita rappresentanza della Giunta comunale e numerosi consiglieri, sono intervenuti anche i direttori artistici Alessandro Gallo e Stelios Kois, il commissario del Padiglione, Maurizio Carlin, lo staff curatoriale e gli artisti. All'appuntamento non sono mancati neppure il regista Ferzan Özpetek e l'attrice Kasia Smutniak, protagonisti della realizzazione di una sezione dell'allestimento.

Gli artisti hanno voluto catturare l'essenza di Venezia con elementi diventati nel tempo i simboli associati alla città: immagini sacre, briccole, acqua e l'uso dei materiali che la caratterizzano come pietra, legno, corda e tessuto. Un'opera d'arte completa in cui il visitatore può sperimentare il microcosmo di Venezia nella sua interezza attraverso la nebbia, l'arte e la spiritualità.

“Il marmo di Fabio Viale – ha spiegato Giovanna Zabotti - è stato utilizzato per realizzare delle monumentali briccole di oltre tre metri che troneggiano nell'acqua che scorre lungo il padiglione. I Plastique Fantastique, hanno creato una struttura gonfiabile in cui si cammina a piedi nudi passando in mezzo alla nebbia, tra profumi e materia. Una sezione poi è dedicata a Venetika, l'opera del cineasta Özpetek e della sua musa Smutniak, stoica interprete immersa nell'acqua e sul cui volto passano le immagini della città 'Una bellezza che non stanca mai'. La sezione dedicata alle opere che esplorano la spiritualità e la religione è realizzata dall’artista Sidival Fila, brasiliano ma romano d’adozione (il primo monaco francescano ad esporre nella storia di Biennale). L'ambiente, per essere ancora più coinvolgente, è completato da un’ambientazione olfattiva realizzata dal Maestro profumiere Lorenzo Dante Ferro e un’opera sonora del compositore George Koumentakis".

Per Paolo Baratta l'aspetto interessante è che il visitatore trovi stimolo in ciò che incontra e che la Biennale sia “almeno una temporanea fuga dall'ordinario che ci costringe tutti i giorni”.

“Giovanna sta facendo un lavoro straordinario perché ci sta mettendo il cuore – ha dichiarato il primo cittadino. Le avevamo dato un mandato specifico, di raccontare Venezia, e lo ha fatto con l’aiuto di artisti straordinari, con quattro modalità diverse, ma seguendo il fil rouge della sostenibilità”. Il sindaco ha poi voluto sottolineare il significato del concorso “Artefici del nostro tempo”, promosso dall'Amministrazione comunale e rivolto ai giovani tra i 18 e i 35 anni, a cui hanno partecipato più di 2000 iscritti. “L'obiettivo era di includerli nella nostra storia artistica, arricchendo il nostro patrimonio: Venezia vuole esserci e vuole raccontarsi con le voci, con il cuore, con le opere di questi artisti e ora anche con le esperienze di giovani artisti”.

Ciascuna delle sei opere vincitrici, a rotazione, sarà esposta al Padiglione Venezia per 15 giorni (si inizierà con il videoclip di Gloria Maria Gorreri dal 14 giugno) mentre tutte le altre che hanno partecipato al concorso saranno in mostra al Candiani e a Forte Marghera.

Orari: Giardini dalle 10.00 alle 18.00. Arsenale dalle 10.00 alle 18.00 (dalle 10.00 alle 20.00 il venerdì e il sabato fino al 30 settembre). Chiuso il lunedì (escluso 13 maggio, 2 settembre, 18 novembre).
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale. In rete € 21,50 fino al 31 marzo 2019.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.5218704
E-mail: aav@labiennale.org
Sito web: Biennale di Venezia

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati