In Venice Today.com


In Venice Today.com





Padiglione Uruguaiano. Uruguay alla 58° Biennale di Venezia

Il Padiglione Uruguaiano. Uruguay alla 58° Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti del padiglione, le opere, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e la sede espositiva.

Padiglione Uruguaiano. Uruguay Biennale d'Arte 2019 a Venezia
Padiglione Uruguay della 58° Biennale d'Arte - Padiglione Uruguay, Giardini della Biennale, Castello - Venezia

Mostra in corso dal 11 maggio al 24 novembre 2019

La 58° Biennale d'Arte aprirà al pubblico l'11 maggio 2019. Ma a partire da pochi giorni prima dell'apertura vi saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano improvvisamente la vita artistica veneziana. Il titolo dell'edizione 58 della Biennale d'Arte è May You Live In Interesting Times ossia "Possa tu vivere tempi interessanti".

Gli artisti invitati a esporre alla 58° Biennale d'Arte di venezia sono 79, con una prevalenza femminile. Tra loro i 2 italiani Ludovica Carbotta e Lara Favaretto. La prima realizzerà un'opera site specific a Forte Marghera, all'interno dell'edificio noto come Polveriera austriaca.

Vai alla pagina della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Vai alla pagina degli Artisti della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Padiglione Uruguaiano. Uruguay alla 58° Biennale D'Arte di Venezia

Titolo della mostra al Padiglione Uruguay è La casa empática.

Artists: Yamandú Canosa.
Curatori
: David Armengol, Patricia Bentancur. 
Commissario: Alejandro Denes. 
Sede: Padiglione Uruguay, Giardini della Biennale di Venezia

Comunicato Stampa del Padiglione Uruguay alla 58° Biennale di Venezia

The Empathic House Ŕ una sintesi discorsiva e drammatica che abbraccia la poesia visiva di Yamand˙ Canosa. Il titolo scelto dall'artista fornisce due incentivi iniziali che collegano la sua carriera professionale alla sua biografia.

In primo luogo, un'allusione simbolica alla casa o all'abitazione offuscata e reinterpretata a causa di movimenti migratori, traffico, nostalgia e affiliazione meticcia. In secondo luogo, la nozione di empatia, qui considerata come la relazione ideale con l'altro, una relazione necessaria per definire la nostra identitÓ all'interno delle complessitÓ culturali e razziali che modellano il mondo contemporaneo. Di conseguenza, The Empathic House allude all'instabilitÓ della realtÓ sociale e politica globale da una posizione di complicitÓ e diversitÓ. La dichiarazione di Canosa Ŕ un invito a risolvere un enigma pieno di significati incrociati.

Wittgenstein riteneva che i limiti del nostro mondo fossero i limiti del nostro linguaggio e in queste installazioni immersive Canosa ci offre un paesaggio narrativo costruito e abitato dal linguaggio e dall'esperienza cognitiva ed emotiva dello sguardo. L'installazione dialoga con la proposta del curatore generale Ralph Rugoff, May You Live in Interesting Times, una dichiarazione che parla dell'incertezza, della crisi e del tumulto in cui viviamo. I dipinti, i disegni, le fotografie e le opere murali di The Empathic House sono organizzati come un "paesaggio-territorio" del mondo, un "paesaggio totale" inclusivo ed empatico. Concetti come territorio, confine, incrocio, appartenenza, instabilitÓ e differenza si espandono a partire dalla poetica dello sguardo acuto dell'artista, critico ed essenziale. In questo paesaggio del mondo, l'orizzonte articola l'iconografia delle quattro pareti della galleria - il muro meridionale, il muro orientale, il muro nord e il muro occidentale - che collocano il padiglione uruguaiano sulla mappa di I Giardini. La casa di Empathic Ŕ entrata da sud. Il totale del paesaggio Ŕ completato dall'intervento sulla facciata e dal cielo stellato installato nel soffitto del padiglione e il suo riflesso sul pavimento. L'orizzonte suggerito da Yamand˙ Canosa Ŕ il nostro legame comune ed esemplifica la bellezza della nostra uguaglianza e della nostra differenza. The Empathic House Ŕ la casa dei confini spezzati.

Orari: Giardini dalle 10.00 alle 18.00. Arsenale dalle 10.00 alle 18.00 (dalle 10.00 alle 20.00 il venerdì e il sabato fino al 30 settembre). Chiuso il lunedì (escluso 13 maggio, 2 settembre, 18 novembre).
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale. In rete € 21,50 fino al 31 marzo 2019.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.5218704
E-mail: aav@labiennale.org
Sito web: Biennale di Venezia

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati