In Venice Today.com


In Venice Today.com





Booking.com

Padiglione Slovenia alla 58° Biennale di Venezia

Il Padiglione Slovenia alla 58° Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti del padiglione, le opere, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e la sede espositiva.

Padiglione Slovenia Biennale d'Arte 2019 a Venezia
Padiglione Slovenia della 58° Biennale d'Arte - Arsenale, Castello - Venezia

(Foto: The X-43A Hypersonic Experimental (Hyper-X) Vehicle hangs suspended in the cavernous Benefield Aenechoic Facility at Edwards Air Force Base during radio frequency tests in January 2000. Artist research working material. Photo: Tom Tschida)

Mostra in corso dal 11 maggio al 24 novembre 2019

La 58° Biennale d'Arte aprirà al pubblico l'11 maggio 2019. Ma a partire da pochi giorni prima dell'apertura vi saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano improvvisamente la vita artistica veneziana. Il titolo dell'edizione 58 della Biennale d'Arte è May You Live In Interesting Times ossia "Possa tu vivere tempi interessanti".

Gli artisti invitati a esporre alla 58° Biennale d'Arte di venezia sono 79, con una prevalenza femminile. Tra loro i 2 italiani Ludovica Carbotta e Lara Favaretto. La prima realizzerà un'opera site specific a Forte Marghera, all'interno dell'edificio noto come Polveriera austriaca.

Vai alla pagina della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Vai alla pagina degli Artisti della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Padiglione Slovenia alla 58° Biennale D'Arte di Venezia

Titolo della mostra al Padiglione Slovenia sarà Here we go again... SYSTEM 317.

Artista: Marko Peljhan.
Curatore:
Igor Španjol.
Commissario:
Zdenka Badovinac, Director Moderna galerija / Museum of Modern Art, Ljubljana. 
Sede: Arsenale

Comunicato Stampa del Padiglione Slovenia della 58° Biennale di Venezia

Marko Peljhan Ŕ un artista e ricercatore che lavora tra arte, tecnologia e scienza. I suoi progetti, iniziative e collaborazioni abbracciano una vasta area che spazia da ecologia e riflessione sociale a media tattici, tecnologia, esplorazione dello spazio e geopolitica.
Nelle sue azioni poetiche e strategiche egli impiega spesso materiali e metodi che servono a confrontare i sistemi di governance e le strategie che impiegano. Il suo lavoro ruota intorno agli sviluppi tecnologici nella comunicazione, nel trasporto e nella sorveglianza, e nei sistemi altamente complessi di potere politico, economico e militare che guidano tali sviluppi e li impiegano nelle applicazioni amministrative, di controllo, di produzione o militari.

L'arte di Peljhan si Ŕ evoluta in un processo che coinvolge una cartografia dell'invisibile e del trascurato e un'analisi del ruolo della tecnologia nella societÓ, in particolare per quanto riguarda le strutture di potere. Apre un processo di riflessione sulle possibilitÓ di un uso diverso, creativo e resistente della tecnologia e propone la creazione di modelli socialmente utili di comportamenti resistenti nel sistema sociale contemporaneo. L'artista porta una grande quantitÓ di consapevolezza storica al suo lavoro, rimanendo allo stesso tempo fedele a valori integrati nelle nozioni di avanguardia artistica e tecnologica. ╚ costantemente consapevole della posizione da cui egli agisce, dei suoi punti di vista morali e delle conseguenze che tale coinvolgimento artistico comporta. ╚ critico nei confronti dell'impatto sociale e culturale e del ruolo dei media che usa nel suo lavoro e traduce il suo atteggiamento critico in azioni concrete. Fondamentale per un tale approccio Ŕ una comprensione chiaramente articolata di ci˛ che sta resistendo e della relazione tra i suoi obiettivi tattici e strategici.

Alla 58. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia, Peljhan presenterÓ un nuovo lavoro della sua serie di risoluzioni. Questa serie, che si Ŕ evoluta in circa 20 anni, propone alcuni materiali specifici e soluzioni applicabili a determinati problemi nella societÓ. ╚ la risposta dell'artista allo stato in cui il mondo si trova oggi, chiedendo una riscoperta dello spazio e del luogo, la posizione fisica di un individuo e una risposta utopica ai rapidi cambiamenti nell'ambiente. In questo senso, la nave autonoma SYSTEM 317 Ŕ uno strumento coloniale, apocalittico e piratato. In esso, Peljhan riunisce la sua visione, il potenziale e l'impossibilitÓ di un'uscita definitiva dalle nostre condizioni planetarie in rapido deterioramento in un processo che chiama "conversione inversa".

Ha utilizzato per la prima volta questa metodologia nella sua serie TRUST-SYSTEM, che si concentrava sulla conversione della tecnologia dei missili da crociera e, in seguito, sui sistemi senza equipaggio per la contro-ricognizione civile. Alla base di tutti questi progetti vi Ŕ l'idea di utilizzare la tecnologia militare disponibile per sviluppare i mezzi tattici necessari per attuare le sue iniziative. L'artista propone la costruzione di una macchina di contro-segregazione destinata ai giorni in cui i grandi imperi del mondo si ritrovano, ancora una volta, in uno scontro - e caratterizzato da una grave mancanza di responsabilitÓ insieme a un grande potenziale distruttivo. Il progetto Ŕ stato realizzato in collaborazione con lo studio di architettura TroÜt & Krape× e con i collaboratori di Zavod Projekt Atol.

L'artista

Marko Peljhan (1969) fond˛ l'istituto d'arte senza scopo di lucro ProjektAtol nel 1994 e fu un co-fondatore del laboratorio new-media Ljudmila di Lubiana un anno dopo. Ha presentato per la prima volta uno dei suoi progetti pi¨ noti, Makrolab, al Documenta 10 di Kassel nel 1997 e alla 50. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia nel 2003. Negli ultimi 25 anni il suo lavoro Ŕ stato esposto e vinto a livello internazionale a pi¨ biennali e festival (Venezia, Gwangju, Bruxelles, Manifesta, Johannesburg, Istanbul), in diverse mostre ISEA, diverse presentazioni di Ars Electronica e nei principali musei, tra cui il MoMA PS1, il New Museum of Contemporary Art, l'ICC NTT Tokyo, YCAM Yamaguchi, Van Abbemuseum a Eindhoven, e il Garage Museum di Mosca, tra gli altri. ╚ stato il primo artista sloveno a vincere il premio Golden Nica ad Ars Electronica nel 2001 per il progetto polare, prodotto insieme all'artista tedesco Carsten Nicolai. In collaborazione con l'artista americano canadese Matthew Biederman, Peljhan ha anche coordinato l'Arctic Perspective Initiative dal 2008, un progetto artistico / scientifico / tattico focalizzato sul significato globale delle sfere geopolitiche, naturali e culturali dell'Artico, e presentato alla loro mostra Coded Utopia in Moderna galerija a Lubiana nel 2011.
Inoltre, Peljhan lavora anche come professore presso l'UniversitÓ della California a Santa Barbara, tenendo le nomine congiunte con il Dipartimento di Arte e il programma di laurea Media Arts & Technology. ╚ stato membro del consiglio di amministrazione e coordinatore internazionale del Centro di eccellenza SPACE-SI per le Scienze e le tecnologie spaziali in Slovenia ed Ŕ stato attivamente coinvolto nella ricerca spaziale e aeronautica e nella culturizzazione spaziale dal 1998. Nello spettro radio Ŕ conosciuto come S54MX .







Orari: Giardini dalle 10.00 alle 18.00. Arsenale dalle 10.00 alle 18.00 (dalle 10.00 alle 20.00 il venerdì e il sabato fino al 30 settembre). Chiuso il lunedì (escluso 13 maggio, 2 settembre, 18 novembre).
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale. In rete € 21,50 fino al 31 marzo 2019.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.5218704
E-mail: aav@labiennale.org
Sito web: Biennale di Venezia


In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati