In Venice Today.com


In Venice Today.com





Padiglione Coreano, Corea alla 58° Biennale di Venezia

Il Padiglione Coreano, Corea alla 58° Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti del padiglione, le opere, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e la sede espositiva.

Padiglione Coreano, Corea Biennale d'Arte 2019 a Venezia
Padiglione della Corea della 58° Biennale d'Arte - Giardini della Biennale, Castello - Venezia

Mostra in corso dal 11 maggio al 24 novembre 2019

La 58° Biennale d'Arte aprirà al pubblico l'11 maggio 2019. Ma a partire da pochi giorni prima dell'apertura vi saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano improvvisamente la vita artistica veneziana. Il titolo dell'edizione 58 della Biennale d'Arte è May You Live In Interesting Times ossia "Possa tu vivere tempi interessanti".

Gli artisti invitati a esporre alla 58° Biennale d'Arte di venezia sono 79, con una prevalenza femminile. Tra loro i 2 italiani Ludovica Carbotta e Lara Favaretto. La prima realizzerà un'opera site specific a Forte Marghera, all'interno dell'edificio noto come Polveriera austriaca.

Vai alla pagina della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Vai alla pagina degli Artisti della 58° Biennale d'Arte di Venezia

Padiglione Coreano; Corea alla 58° Biennale D'Arte di Venezia

Titolo della mostra al Padiglione della Corea sarà History Has Failed Us, but No Matter.

Artisti: Hwayeon Nam, siren eun young jung, Jane Jin Kaisen.
Curatore: Hyunjin Kim.
Commissario: Arts Council Korea. 
Sede: Giardini

Comunicato stampa

Con il titolo History Failed Us, but No Matter, il padiglione coreano alla 58. Internazionale Esposizione d'arte - La Biennale di Venezia Ŕ curato da Hyunjin Kim, Lead Curator per l'Asia presso KADIST.

"Chi ha canonizzato la formazione della storia i cui corpi devono ancora essere scritti come parte di quella storia? Quali cambiamenti sarebbero emersi, se avessimo rivisitato gli strati solidi che demarcano l'Asia orientale e i suoi miti, e cosa scopriremmo se ci avvicinassimo a questi siti di modernizzazione e di storia nazionalistica attraverso la lente della diversitÓ di genere?

"Sono queste domande vitali che inquadrano la mostra, presentandola il lavoro di tre artisti femminili: siren eun young jung, Hwayeon Nam e Jane Jin Kaisen. Ogni artista affronta queste domande attraverso una rubrica di ricerca, sviluppando le loro pratiche usando le critiche riflessione basata su una forte coscienza di genere mentre approfondiscono il presente e analizzano il storia che circonda la modernizzazione della Corea e dell'Asia orientale.

Siren eun young jung Ŕ ampiamente riconosciuta per la sua pratica che osserva come il proprio desiderio individuale influisce sulla loro esperienza degli eventi mondiali e su come tali incontri diventano forme di resistenza, informare la storia e la politica.
Vincitore del Korea Artist Prize nel 2018, il suo lavoro negli ultimi dieci anni si sono concentrati su yeoseong gukgeuk, un genere di teatro tradizionale coreano che presenta solo attori femminili.
Il genere sopravvive ancora oggi in una forma modernizzata modificata, ma sta calando rapidamente.

Documentando la performance dell'attore di seconda generazione Gukgeuk Lee Deung Woo (alias Lee Ok Chun), Jung's A Performing di Flash, Afterimage, Velocity e Noise richiama anche quattro artisti che ha avuto successo nella genealogia delle performance queer contemporanee - un musicista transgender, un performer / regista disabile, un attore apertamente lesbico e un artista trascinante. Coinvolgere in questi la contestazione degli artisti contro i canoni estetici, l'artista attira il pubblico in un audiovisivo impostazione attivata dalla festa della luce, del rumore e del corpo in movimento. sirena eun young jung's new la produzione per la Biennale di Venezia Ŕ stata commissionata da KADIST.

La sperimentazione di Hwayeon Nam con gli archivi indaga su come il desiderio umano possa amplificare determinati miti e valori nelle operazioni discorsive di oggi della nazione e dell'economia. Nel suo nuovo video Ballerino dalla penisola, Nam traccia l'archivio frammentario di Choi Seung-hee, un leggendario ma controverso coreografo e ballerino moderno, la cui vita si intrecciava a molti dei pi¨ tumultuosi eventi del 20 ░ secolo in Asia orientale.

La variegata presentazione di Nam include video in miniatura che utilizzano filmati e immagini trovate dagli archivi di Choi, oltre a una grande scultura struttura, e un piccolo giardino installato dietro il padiglione. Questa installazione multimediale multistrato offre un bricolage incantato e performativo della vita di una donna artista controverso e di lei nobile aspirazione verso una danza dell'Asia orientale, mobilitandola dal nazionalismo semplificato o argomenti ideologici contro di lei.

Jane Jin Kaisen Ŕ un'artista e cineasta di Berlino e Copenhagen.
Derivando dalla consapevolezza e l'esperienza diasporica dell'artista, il nuovo pezzo di Kaisen Community of Parting acutamente interpreta l'antico mito sciamanico coreano di Bari, in cui una figlia abbandonata fa rivivere il morto e alla fine diventa una dea che media alla soglia della vita e della morte.

Per l'artista, un diverso approccio alla memoria, i confini e la traduzione possono essere rintracciati nel mito epico che risuona con migrazioni di genere causate da guerra, nazionalismo, conflitti ideologici, rapidi modernizzazione e oppressione patriarcale nell'Asia orientale. Dissolvendo i confini spaziali e temporali contrapponendo immagini, suoni, materiale d'archivio e poesia con le interpretazioni redentrici di sciamano Koh Sun Ahn, l'artista esplora l'incarnazione della liminalitÓ mentre lei si tuffa bruscamente storie di donne resistenti e immagini di confini lungo tutta la storia della penisola coreana.

Le varie narrazioni presentate da questi tre artisti tessono composizioni formalmente complesse di suono affascinante, colore, luci, ritmo e installazioni architettoniche a forma di curva organica, accanto a seducenti movimenti del corpo plurale per esplorare vigorosamente le narrative eterogenee della storia della modernizzazione dell'Asia orientale. La mostra presenta il velato, il dimenticato, il abbandonato, condannato e oppresso, portando queste voci sotto i riflettori.

* Il titolo della mostra Ŕ preso in prestito dalla prima frase del romanzo PACHINKO con il generoso il permesso del suo autore, Min Jin Lee.

Orari: Giardini dalle 10.00 alle 18.00. Arsenale dalle 10.00 alle 18.00 (dalle 10.00 alle 20.00 il venerdì e il sabato fino al 30 settembre). Chiuso il lunedì (escluso 13 maggio, 2 settembre, 18 novembre).
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale. In rete € 21,50 fino al 31 marzo 2019.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.5218704
E-mail: aav@labiennale.org
Sito web: Biennale di Venezia

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati