In Venice Today.com


In Venice Today.com





Museo Correr di Venezia

Il Museo Correr a San Marco Venezia: la storia, gli orari, i contatti, il costo e l'acquisto dei biglietti e le informazioni utili per la visita.

Museo Correr VeneziaMuseo Correr - Piazza San Marco, San Marco 52 - Venezia


Il Museo Civico Correr è ospitato nella cosiddetta Ala Napoleonica, un ramo delle Procuratie di fronte alla Basilica di San Marco, che si affaccia su Piazza San Marco: l'edificio fu voluto da Napoleone per esigenze cerimoniali e fu realizzato previa distruzione di una chiesa del Sansovino che era molto cara ai Veneziani fin dal Cinquecento.
Il Museo Correr è aperto dal 1922 e vi si organizzano numerose mostre d'arte durante tutto l'anno.

Il Museo Correr si divide nelle seguenti sezioni:

- Sale Neoclassiche: ospitano opere di Antonio Canova (1757-1822) tra cui molti gessi preparatori.
- Wunderkammer: ospita 300 opere tra dipinti e preziosi manufatti.
- Civiltà veneziana: nelle Procuratie Nuove vengono illustrati aspetti della vita pubblica e politica di Venezia.
- Stanze dell’Imperatrice Elisabetta: residenza in laguna della sovrana in visita a Venezia.
- La Quadreria: al secondo piano ospita capolavori dell’arte veneta dalle origini fino al Cinquecento.

Capolavori del Museo Correr


- San Giovanni Battista di Paolo Veneziano (XIV secolo)
- Crocifissione di San Salvador di Giovanni Bellini (1455-1460)
- Pietà di Cosmè Tura (1460)
- Trasfigurazione di Giovanni Bellini (1455-1460)
- Madonna col bambino di Giovanni Bellini (1470-1475)
- Ritratto del Doge Giovanni Mocenigo di Giovanni Bellini (1480)
- Due dame veneziane di Vittore Carpaccio (1490)
- Uomo con berretto rosso di Vittore Carpaccio (1490-1493)
- Cristo morto sorretto da due cherubini (1460)
- Orfeo ed Euridice di Antonio Canova (1777)
- Dedalo ed Icaro di Antonio Canova (1778-79)

Storia

Su questa parte di Piazza San Marco fino alla fine del Settecento sorgeva la Chiesa di San Geminiano eretta su progetto di Jacopo Sansovino a metà del Cinquecento. Ai suoi lati vi erano come oggi le Procuratie Vecchie e Nuove, che furono con la Serenissima sedi amministrative e residenziali delle massime cariche politiche del governo veneziano dopo il Doge ossia i i Procuratori di San Marco.

Con l'arrivo di Napoleone in laguna (1797), la fine della Repubblica il 12 maggio sancita dal Maggior Consiglio e il passaggio di fatto del potere nelle mani dei Francesi, fu decisa la demolizione della chiesa del Sansovino per destinare l'Ala Napoleonica a residenza del nuovo sovrano. Il progetto fu però portato a compimento solo in seguito alla Restaurazione (1815) e quindi l'edificio fu destinato ad accogliere i sovrani asburgici in visita a Venezia e il loro seguito di ambasciatori e cortigiani. Il Palazzo Reale così configurato si estendeva quindi per tutta l'ala appartenente alle Procuratie Nuove fino alla sede attuale della Marciana, di fronte a Palazzo Ducale. Il suo stile ha un'impronta fortemente monumentale e Neoclassica secondo il dominante gusto del tempo.

Il progetto che consegnò l'edificio ai posteri così com'è ora fu firmato dagli architetti G. A. Antolini, Giuseppe Soli e Lorenzo Santi i quali sovrintedettero ai lavori di realizzazione della doppia facciata, del portico e degli interni: il famoso scalone che porta alla ricca sala da ballo. Per la decorazione pittorica fu chiamato il veneziano Giuseppe Borsato.

Il nobile veneziano Teodoro Correr, morendo nel 1830, lasciò in eredità alla città di Venezia la sua collezione di libri ed opere d'arte alla quale si aggiunsero in seguito e nel Novecento altri lasciti importanti (Emmanuele Antonio Cicogna nel 1865 e Pompeo Molmenti negli anni'20). Dopo un primo periodo di stanziamento della collezione all'attuale Fondaco dei Turchi, attuale sede del Museo di Storia Naturale, la collezione iniziò a essere traslata nell'Ala Napoleonica a partire da fine Ottocento e il Museo aprì i battenti al pubblico nel 1922.

Guarda il Video dei Musei Civici del Museo Correr

Alcune immagini del Museo Correr e dei suoi dipinti

Immagini: 1. Ritratto del Doge Giovanni Mocenigo di Giovanni Bellini (1480); 2. Crocifissione di San Salvador di Giovanni Bellini (1455-1460); 3. Trasfigurazione di Giovanni Bellini (1455-1460); 4. Madonna col bambino di Giovanni Bellini (1470-1475); 5. Due dame veneziane di Vittore Carpaccio (1490); 6. Cristo morto sorretto da due cherubini (1460); 7. Pietà di Cosmè Tura (1460); 8. Uomo con berretto rosso di Vittore Carpaccio (1490-1493).
Orario: dal 1 aprile al 31 ottobre dalle 10.00 alle 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.00); dal 1 novembre al 31 marzo dalle 10.00 alle 17.00 (ingresso consentito fino alle 16.00). Chiuso il 25 dicembre e 1 gennaio.
Ingresso
: con MUSEUM CARD ( biglietto cumulativo per tutti i Musei Civici aperti e quelli collegati); intero € 16; ridotto € 10.00 (ragazzi da 6 a 14 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi; studenti* dai 15 ai 29 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di studenti; cittadini U.E. ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice *è richiesto un documento). Gratuito per i residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate e interpreti turistici che accompagnino gruppi o visitatori individuali; per ogni gruppo di almeno 15 persone, 1 ingresso gratuito (solo con prenotazione); volontari del Servizio Civile; partner ordinari MUVE; possessori MUVE Friend Card.
Offerta famiglie: biglietto ridotto per tutti i componenti, per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 18 anni).
Offerta scuola: € 5,50 a persona (valida nel periodo 1 settembre – 15 marzo) per classi di studenti di ogni ordine e grado, accompagnate dai loro insegnanti, con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza.

In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati